titolo menu

  News

Il microbiota intestinale


Il microbiota intestinale

 

 

Il microbiota intestinale leggi l'articolo

Alimentazione ed infiammazione


L’infiammazione o flogosi è un meccanismo non specifico innanto di difesa del nostro corpo contro agenti lesivi (chimici, fisici, biologici). Lo stato infiammatorio è una sequenza dinamica della risposta immunitaria che se non

leggi l'articolo

Il latte vegetale come alternativa al latte animale (vaccino, caprino, pecorino)


Visto l’aumento negli ultimi anni delle intolleranze al lattosio e/o allergie alla caseina, malesseri respiratori e digestivi, sempre più persone scelgono in sostituzione i latti vegetali perché egualmente  ricchi di vitam

leggi l'articolo

Nuovo sito


Benvenuti nel sito della dottoressa Rosa Tafuri

leggi l'articolo

Intolleranze alimentari

Cosa sono le intolleranze alimentari?

Le intolleranze alimentari sono definite come reazioni avverse al cibo .

Una definizione generica come generici sono i sintomi che la manifestano.

La principale differenza che la contraddistingue dalle allergie è che le intolleranze sono una reazione dose-dipendente non igE mediata invece le allergie non sono dose dipendente e sono igE mediate.

La sintomatologia potrebbe essere sovrapponibile ma esami e manifestazioni cliniche ne determinano la distinzione, ragion per cui a volte capita di effettuare test allergici negativi non trovando la causa per esempio di dermatiti o orticarie persistenti, e facendo invece un test leucocitotossico ed eliminando specifici alimenti il paziente ritorna in salute.

Le intolleranze alimentari infatti nascono come un malessere "generale" del paziente che si sente "appesantito" e /o "intossicato", tale malessere (prurito, occhi gonfi,sonnolenza, astenia, spossatezza, cefalea post prandiale), legato allo stress, allo stile di vita e abitudini alimentari ordinarie e a volte anche sbagliate, instaurano nel tempo una cronicizzazione sintomatica a livello intestinale nuocendo così la mucosa e alterandone la sua permeabilità e integrità cellulare.

Quali sono le conseguenze?

Una sollecitazione costante e continuativa a livello intestinale può sviluppare una risposta leucocitotossica, infatti il 50 % del sistema immunitario è collocato a livello intestinale, è il GALT (Tessuto Linfoide Associato all'Intestino) che rappresenta infatti la difesa specifica e da cui si innesca la cascata di reazioni a catena partendo dall'intestino e dislocandosi in tutto il corpo in base alla reattività del singolo individuo.

Cosa succede quando ci sono delle intolleranze?

Avviene una reazione leuco-citotossica dovuta alla reazione bio-morfologica del leucocita che per "difendere" l'organismo da allergeni o muffe o additivi o coloranti alimentari si attiva e in base al grado di "intolleranza" reagisce all'estratto alimentare sviluppando quindi un grado d'intolleranza lieve, media o forte in base alla sensibilità individuale.

Da questi danneggiamenti cellulari e conseguente infiammazione della mucosa intestinale ad essi collegati, si innescano reazioni a catena che possono provocare l'irritazione di svariate aree del corpo, causando e aumentando sinergicamente differenti sintomi di origine infiammatoria (es. infiammazioni delle articolazioni), che nel tempo possono costituire preludio a vere e proprie malattie.

Quali sono le manifestazioni più comuni delle intolleranze alimentari?

Riguardano diversi apparati, dal gastroenterico al respiratorio, dalla pelle all'osteoarticolare in quanto il meccanismo dell'infiammazione può svilupparsi in qualsiasi parte del corpo. Tuttavia le sintomatologie più frequenti sono :

il meteorismo, gonfiori addominali, alvo irregolare, acne, affanno, afte, ansia, asma, cefalea, cellulite, coliche, diarrea, insonnia, eczemi, cefalee, colon irritabile, orticaria, eczemi, prurito, sonnolenza, sovrappeso, ritenzione idrica, stitichezza, flautolenza, eruttazione, aerofagia, senso di nausea, dermatiti, orticarie.

Come viene eseguito il test Leucocitotossico?

Il test si esegue con un semplice prelievo di sangue, dal quale vengono separati i globuli bianchi e messi a contatto con gli estratti alimentari dei diversi alimenti, in base alla valutazione microscopica della reazione avversa e del suo grado verrà indicata la presenza o meno dell'intolleranza .

Il test può essere effettuato su diversi tipi di pannelli in base al singolo caso , infatti ci sono valutazioni per 60 alimenti, 80 alimenti, funghi, additivi, farmaci e coloranti.

www.valsambro.it Il servizio per le intolleranze alimentari nato dall'esperienza dei migliori ricercatori: Antigenia
 

Iscriviti alla newsletter per essere informato sulle ultime novità.

Compila il modulo online per chiedere consulenza alla Dottoressa Rosa Tafuri

Le ultime notizie sulla nutrizione ed il benessere

Siti sulla nutrizione consigliati dalla Dottoressa

Dott.ssa Rosa Tafuri © 2017 — mappa del sitoprivacy policyCookie policy
Biologa Nutrizionista Specialista in Scienza dell'Alimentazione Operatore Bionaturale del Benessere
Partita Iva 02975590783

Siti Web Bologna